...Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marcia, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce...

Pablo Neruda

Semplicemente io...

Adoro i tatuaggi, ne ho diversi e l’ultimo ancora non l’ho fatto, porto gli orecchini da quando ho 14 anni, mi piace fumare così come mi piace correre, sono disordinato nella quotidianità ma preciso e pignolo nel mio lavoro, sono io, senza maschere, come ritengo giusto sia quando ci si presenta…

Cosa amo fare quando non ho una macchina fotografica in mano:

Amo cucinare, soprattutto la pizza, ma cucino di tutto.

Amo leggere, leggo davvero moltissimi libri, di vario genere, dai romanzi storici (adoro il medio evo) alle biografie di persone che seguo.

Amo viaggiare, ma, fortunatamente o sfortunatamente, in questo periodo non ho il tempo di farlo.

Amo stare con mia moglie, Francesca, è anche attraverso il suo continuo supporto che faccio questo lavoro con passione, lei mi incoraggia, mi consiglia, critica il mio lavoro. Mi piace condividere con lei ciò che faccio.

Amo giocare con la mia pelosissima cagnolona, la mia Maffy, una Golden Retriever femmina, è come fosse mia figlia. Aggiornamento 2018: purtroppo Maffy ci ha lasciato, ora abbiamo un altro cucciolo con noi, Flocky, un piccolo intelligentissimo terremoto, si ricomincia…

Vi ho già detto che amo la pizza?

Se vuoi correre meglio da solo, se vuoi andare lontano meglio accompagnato.

questo per dire che ho la fortuna di avere accanto una persona che amo, e che mi ama. E’ mia moglie, ma anche la mia migliore amica, la mia critica più feroce, la persona che, più di ogni altra, mi stimola continuamente a fare meglio. E’ Francesca.

“Siamo diventati vecchi e ci siamo abituati a stare insieme. Pensiamo le stesse cose. Ci leggiamo nella mente. Sappiamo cosa vuole l’altro senza dover chiedere. A volte l’uno fa irritare l’altro. Forse a volte ci diamo per scontati. Ma di tanto in tanto, come oggi, medito su di noi e mi rendo conto di quanto sono fortunato a condividere la mia vita con la più grande donna che abbia mai incontrato”. [Johnny Cash]